logo di stampa italiano
 
Sei in: I lavoratori » Gli obiettivi e i risultati

Gli obiettivi e i risultati

Gli obiettivi e i risultati
Avevamo detto di fare ...Abbiamo fatto ...
Realizzare le 22 azioni per il clima interno definite a seguito dell'indagine sul clima del 2011 e finalizzate al mantenimento di un indice di soddisfazione un indice di soddisfazione pari a 64 nel 2013.Delle 22 azioni di miglioramento previste, 14 sono state realizzate (completamente o per la parte relativa al 2012) e 8 sono in corso di realizzazione.
Erogare 143.000 ore di formazione nel 2012 pari a 23 ore procapite.Le ore di formazione erogate nel 2012 sono state 169.526 corrispondenti a 27,5 ore procapite.
Definire e avviare nel biennio 2012-2013 iniziative di formazione e sviluppo per le 94 giovani risorse incluse nella seconda edizione del progetto "Sviluppo del potenziale".Tutti i 94 lavoratori coinvolti nell'edizione 2011 del progetto hanno partecipato nel 2012 a iniziative di formazione e sviluppo specifiche.
Modello di leadership: impostare e realizzare nel 2012 un nuovo piano di attività.Nel 2012, con il quarto seminario sulla leadership esemplare, si è conclusa la prima tranche di seminari tematici sugli elementi chiave del modello. È stato inoltre impostato il piano di attività 2012/2013 avente a oggetto l’elemento chiave “Gestione della complessità” e sono state realizzate le prime iniziative previste.
Coinvolgere nel 2012 tutta la popolazione aziendale nell’iniziativa formativa “La sicurezza non è un gioco” con l’obiettivo di sensibilizzare tutti i lavoratori alla cultura della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e non.L’iniziativa formativa “La sicurezza non è un gioco” ha coinvolto il 90% della popolazione aziendale.
Completare entro il 2012 i 9 sottoprogetti dell’iniziativa “Un anno per la sicurezza”.Sono stati completati 7 sottoprogetti. 2 sottoprogetti si concluderanno nel 2013.
Definire e avviare ulteriori iniziative finalizzate a promuovere le pari opportunità, la valorizzazione del personale disabile e la conciliazione vita-lavoro.È stato aperto il quinto asilo nido a disposizione dei figli dei dipendenti. Sono state attivate due iniziative formative sulla disabilità e realizzati 10 progetti di sviluppo individuale. Il progetto “Politiche del buon rientro”, che prevede l’estensione dei nidi aziendali e strumenti per facilitare il rientro dei lavoratori dopo lunghe assenze, ha ottenuto il finanziamento ministeriale e sarà realizzato a partire dal 2013.
Definire nel 2012 un piano di azione volto alla valorizzazione delle differenze generazionali.É stato avviato un progetto di ricerca in collaborazione con l’Università di Bologna, sulla valorizzazione delle differenze generazionali. Sulla base delle evidenze emerse dalla ricerca, sono state individuate quattro aree di intervento prioritarie.
Sistema informativo “Work Force Management”: estendere nel 2012 a tutte le SOT la funzionalità “mobile” e mettere a regime il sistema di reporting.La funzionalità “mobile” e il sistema di reporting sono operativi su tutti i territori dalla fine del 2012.

Ottenere nel 2012 la certificazione SA8000 per Hera S.p.A.

 

La verifica certificativa di Det Norske Veritas Italia, avviata a dicembre 2012, si è conclusa all’inizio di marzo 2013 con esito positivo.
Progettare e realizzare entro il 2013 un’iniziativa di formazione rivolta a tutti i lavoratori sul Bilancio di Sostenibilità e sul Codice Etico.L’iniziativa di formazione è in corso di progettazione, riguarderà il Bilancio di Sostenibilità e verrà realizzata entro settembre 2013.
Faremo ...
  • Effettuare nel 2013 la quinta indagine sul clima interno raggiungendo una partecipazione del 65% e un indice di soddisfazione pari a 66/100. Utilizzare i risultati per definire azioni per il clima aziendale.
  • Erogare 143.000 ore di formazione nel 2013 pari a 23,8 ore procapite e pubblicare un nuovo quaderno della Scuola dei Mestieri
  • Avviare il progetto “Le politiche del buon rientro” finalizzato all’estensione dei nidi aziendali nei territori non serviti e alla realizzazione di strumenti e iniziative per facilitare il rientro dei lavoratori dopo lunghe assenze
  • Progetto “Sviluppo del potenziale”: proseguire l’attività formativa per le 94 giovani risorse incluse nella seconda edizione e pianificare la terza edizione
  • “Modello di leadership”: attuare il piano di azione previsto per il 2013 sugli elementi chiave “Gestione della complessità” e “Orientamento all’eccellenza”.
  • Avviare l’implementazione di un sistema informativo integrato in ambito “ambiente, salute e sicurezza” (“Progetto EHS”): nel 2013 avviare i moduli sorveglianza sanitaria, prevenzione e gestione infortuni
  • Attuare azioni per la valorizzazione delle differenze generazionali tra i lavoratori nelle quattro aree prioritarie individuate nel 2012
  • Mettere a regime il sistema di gestione della responsabilità sociale SA8000 e definire un piano di estensione alle principali società controllate
  • Coinvolgere nel 2013 tutto il personale nell’iniziativa formativa “La città sostenibile” con l’obiettivo di diffondere i risultati di sostenibilità conseguiti dal Gruppo e coinvolgere i lavoratori nella redazione del Bilancio di Sostenibilità
  • Progetto “Stili di vita sani”: attuare azioni per la promozione di comportamenti salutari da parte dei dipendenti
  • Definire e attuare azioni di miglioramento degli strumenti di comunicazione interna sulla base dei risultati dell’indagine effettuata nel 2012