logo di stampa italiano
 
Sei in: La comunità locale » Le sponsorizzazioni e le liberalità

Le sponsorizzazioni e le liberalità

Il rapporto con il territorio, la vicinanza ai suoi cittadini e il rispetto dell’ambiente guidano le scelte di sponsorizzazione del Gruppo Hera.
Nell’anno del sisma che ha colpito l’Emilia, in particolare, Hera ha voluto riservare un’attenzione speciale alle iniziative che sono state dedicate al tema. La multiutility ha così rinnovato il proprio sostegno al Festival della Filosofia di Modena, manifestazione già sponsorizzata in passato ma rivelatasi di interesse ancora maggiore nel 2012 perché ha integrato alla propria programmazione importanti momenti di riflessione sul tema del terremoto. Hera si è inoltre impegnata a favore dell’evento benefico tenutosi il 5 luglio in Piazza Maggiore a Bologna, nel quale numerose personalità del mondo della cultura e dello spettacolo si sono esibite per raccogliere fondi a favore delle popolazioni colpite dal sisma.
Hera ha poi sostenuto la Cineteca di Bologna confermando anche per il 2012 una partnership assolutamente strategica per il mantenimento di un’offerta culturale di livello nel capoluogo emiliano-romagnolo. Tra i principali eventi si segnalano il festival de “Il cinema ritrovato” e “Sotto le stelle del cinema”, rassegna di proiezioni che ha luogo a luglio in Piazza Maggiore a Bologna e che quest’anno ha regalato a tutta la cittadinanza la versione integrale di C’era una volta in America. Con “Piazze di Cinema”, Hera ha voluto portare il cinema in piazza anche a Cesena.
Nell’ambito delle sponsorizzazioni che ricadono sul territorio bolognese, un ruolo importante è giocato dall’impegno profuso dal Gruppo per consentire alla biblioteca di Sala Borsa l’apertura domenicale.

Gesti di civiltà per Bologna

La terza edizione del Premio Bologna Città civile e bella ha proclamato 12 vincitori e 6 menzioni speciali e ha consegnato 45 attestati. Ai piccoli e grandi gesti di civiltà quotidiana nelle aule scolastiche, nelle strade del centro, nei ritrovi della periferia, nei cortili, è andato il riconoscimento del premio promosso da Hera, Il Resto del Carlino, Fondazione del Monte e Centro Antartide e consegnato a metà aprile in Sala Farnese a Palazzo d’Accursio, di fronte a una folla delle grandi occasioni.


In collaborazione con Arte Fiera, Hera ha sostenuto Art White Night, la notte bianca dell’arte nella quale musei e palazzi storici di Bologna sono rimasti aperti fino alle 24 per permettere ai turisti, ma soprattutto agli stessi residenti, di scoprire e riscoprire i luoghi più belli e significativi della propria città.
Nel 2012, inoltre, il Gruppo Hera ha rinnovato il proprio impegno a favore del Bologna Jazz Festival, kermesse musicale che ha portato sui palchi, nei locali di Bologna, in località della provincia di Bologna quali Monte San Pietro, Minerbio, Anzola dell’Emilia e a Ferrara, alcuni fra i più importanti artisti della scena jazz internazionale, cominciando dal pianoforte di Chick Corea.
Il Gruppo ha poi rinnovato la collaborazione con il Biografilm Festival - International Celebration of Lives - tenutosi in giugno sempre a Bologna, associando così il proprio logo a un’edizione che, trattando della fine del mondo nelle sue rappresentazioni cinematografiche, ha potuto affrontare tutti i temi più sensibili e importanti relativi al futuro del pianeta e alla sopravvivenza dei suoi fragili equilibri ambientali.
Hera ha sostenuto anche gli appuntamenti più importanti della stagione artistica romagnola sponsorizzando la mostra “Wildt - l’anima e le forme tra Michelangelo e Kilmt” presso i Musei di San Domenico di Forlì e il restauro dei mosaici ravennati rinvenuti durante uno scavo per la realizzazione di una stazione ecologica interrata in cui la società è attivamente impegnata a fianco della Fondazione RavennAntica. Un’attenzione particolare, inoltre, è stata dedicata alle attività in ambito teatrale, sostenute dal Gruppo Hera su tutto il territorio raggiunto dai propri servizi. La multiutility ha poi sostenuto l’organizzazione del concerto tenuto a Rimini dal maestro Ennio Morricone, un appuntamento che ha impreziosito l’estate della riviera a favore di oltre 10.000 spettatori.
Hera ha rinnovato la partnership con il Ferrara Buskers Festival, rassegna internazionale del musicista di strada, e ha sponsorizzato il ricco cartello dell’Estate Modenese, importante rassegna di musica e spettacolo che si prolunga per 40 giorni.
Dal punto di vista degli eventi sportivi, grazie alla collaborazione con GS Emilia, Hera ha continuato a sostenere le grandi classiche del ciclismo emiliano: la “Coppi-Bartali” e il “Giro dell’Emilia”.

 

Hera e Ferrara Buskers Festival insieme per l'ambiente

Dal 18 al 26 agosto 2012 il Ferrara Buskers Festival, la rassegna internazionale del musicista di strada giunta alla sua 25° edizione, ha visto di nuovo il Gruppo Hera come main sponsor. Hera ha contribuito alle 9 giornate sostenendo il progetto “Eco Festival”: una grande operazione “verde” tesa ad abbattere l’impatto ambientale della kermesse attraverso la riduzione dei rifiuti prodotti e l’intensificazione della raccolta differenziata. Nell’area interessata dagli spettacoli sono state organizzate circa 30 stazioni composte da contenitori stradali della capienza di 240 litri per raccogliere separatamente carta, vetro, plastica e lattine. Inoltre, per promuovere un consumo d’acqua sempre più sostenibile, Hera ha messo a disposizione dei partecipanti al festival una casa dell’acqua che ha erogato circa 7.000 litri di acqua di rete liscia e gassata gratuitamente.

 
Sponsorizzazioni
migliaia di euro201020112012
Attività ricreative287442
Cultura1.0041.137911
Sport386437313
Sociali233694
Ambientali90170129
Altro16610
Totale1.5471.8591.498
di cui a comunità locale1.5371.7701.482
di cui fuori territorio108916
Liberalità e donazioni
migliaia di euro201020112012
Attività ricreative212
Cultura334031
Sport102
Sociali10698370
Ambientali63340
Altro101012
Totale215152456
di cui a comunità locale195142422
di cui fuori territorio201034

Anche nel 2012, il Gruppo ha rinnovato la propria collaborazione con la Fondazione ANT (Associazione Nazionale per lo studio e la cura dei Tumori solidi), ha sostenuto le meritorie iniziative dell’Associazione Amici di Casa Insieme, in prima fila sul fronte dell’assistenza ai malati di Alzheimer ed è stata al fianco della Fondazione ASPI che si prefigge di fornire aiuto, sostegno e protezione all’infanzia. Rinnovato, inoltre, il sostegno all’Associazione Angela Serra, impegnata nella ricerca sul cancro. Confermando la propria attenzione all’ambito medico e terapeutico, Hera ha poi sostenuto gli sforzi dell’Associazione ANPVI che si occupa della tutela dei soggetti privi della vista o comunque ipovedenti.
La multiutility ha orientato parte delle proprie liberalità anche al settore della cultura. Fra le varie realtà alle quali Hera è stata a fianco ricordiamo l’Associazione Muse, impegnata in preziose attività didattiche, e il Museo Casa Natale Enzo Ferrari di Modena, nel quale è racchiusa una parte importante del patrimonio sportivo e tecnologico italiano. Nella città di Bologna, inoltre, il Gruppo ha contribuito alla nascita di un liceo musicale.
Nel 2012, in coerenza con quanto definito nel proprio Codice Etico, Hera non ha erogato contributi di alcun genere a partiti o a politici.

Il sostegno alle popolazioni colpite dal terremoto

Hera è intervenuta per fornire supporto alle popolazioni terremotate in vari modi. La prima azione è stata l’adesione alla raccolta fondi promossa della Regione Emilia-Romagna, con un versamento di 300 mila euro a cui si aggiunge un versamento di 60.000 effettuato dai lavoratori del Gruppo. La risorsa però più apprezzata, anche dagli stessi Enti Locali, è stato il know-how specialistico nei settori di competenza. Le condizioni richiedevano infatti attività straordinarie che, grazie alla collaborazione ormai consolidata con la Protezione civile della Provincia di Modena, hanno richiesto un supporto eccezionale da parte di Hera.
Dal 22 maggio personale del Gruppo è stato assegnato nel Centro di Coordinamento Soccorsi di Marzaglia (MO), avente il compito di gestire, tra le varie situazioni di emergenza, le migliaia di richieste di distacco delle utenze delle case crollate o rese inagibili dal sisma, gli allacci alle tante aree di accoglienza allestite sul territorio e il monitoraggio dello smaltimento delle macerie. A Hera è stata affidata la responsabilità della funzione “servizi essenziali”, dove hanno collaborato lavoratori di Hera ma anche professionisti provenienti da altre aziende aderenti a Federutility (Acquedotto Pugliese, Ancona Multiservizi, Iren, ecc.) che, coordinati da Hera, si sono messi a disposizione delle popolazioni colpite. Nelle prime settimane, inoltre, anche squadre operative e tecnici di Hera hanno affiancato gli operatori locali per garantire la massima efficacia delle operazioni di pronto intervento sulle reti idriche e del gas. Le competenze tecniche e specifiche settoriali della multiutility sono state così integrate nel sistema di gestione dell’emergenza della Protezione civile.
Il supporto di Hera è stato apprezzato così come evidenziato dalla Protezione civile della Provincia di Modena:

“L’attività svolta presso il Centro coordinamento provinciale dei soccorsi istituito nell’immediatezza dell’evento è stata resa possibile grazie allo spirito di servizio al territorio che contraddistingue gli operatori di Hera, che anche in questa occasione hanno saputo mettere a servizio delle comunità locali esperienza tecnica e gestionale in situazioni complesse. Il personale di Hera si è integrato con la struttura di coordinamento rispettando ruoli, decisioni e tempi anche grazie alla collaborazione ormai consolidata con la Protezione civile della Provincia di Modena, che nei propri atti di pianificazione aveva individuato Hera come responsabile di funzione nel caso l’evento interessasse un territorio di competenza. La straordinarietà e la dimensione dell’evento hanno reso necessario lo svolgimento di un ruolo anche per un territorio non direttamente gestito rendendo ancora più complesse le operazioni coordinate.”

Dopo la seconda serie di scosse si è poi reso necessario fornire assistenza ad Aimag, la multiutility che gestisce i servizi nel territorio colpito dal sisma e che doveva fare fronte a problemi di inagibilità su varie sedi. Poche ore dopo la richiesta, circa cento postazioni di lavoro collegate alla rete aziendale di Aimag erano disponibili negli uffici di Hera a Modena. I dipendenti, trasferiti temporaneamente dall’azienda operante a Carpi e Mirandola, hanno così lavorato nella sede modenese per alcuni mesi prima di rientrare. Acantho, società di telecomunicazioni del Gruppo Hera, ha infine sostenuto anch’essa in modo concreto le popolazioni colpite dagli eventi sismici attivando a titolo gratuito il servizio di accesso internet senza fili in 5 tendopoli allestite a Mirandola, in cui erano alloggiate temporaneamente oltre 1.500 persone.
Per quanto riguarda le attività commerciali, a maggio 2012 Hera ha deciso volontariamente di sospendere i pagamenti delle fatture emesse per tutti i servizi erogati ai clienti che dichiaravano l’inagibilità dell’edificio su cui insistono le utenze, con dichiarazione rilasciata dagli enti preposti. A giugno e luglio Hera ha applicato, coerentemente con le indicazioni normative, la sospensione dei termini di pagamento, per il periodo dal 20 maggio al 20 novembre 2012, delle fatture relative alle forniture di gas, elettricità e del servizio idrico integrato. Una delibera AEEG del gennaio 2013 ha previsto vari aiuti alle popolazioni terremotate, tra cui rateizzazioni senza interessi su un periodo di 24 mesi per luce e gas e di 12 mesi per acqua delle bollette con termini di pagamento già sospesi, riduzione delle componenti delle tariffe di distribuzione gas, energia elettrica e acqua e degli oneri di sistema, azzeramento dei costi di attivazione, disattivazioni, riattivazione e volture di connessioni entro i 6 kW per i moduli abitativi temporanei e per le richieste dagli utenti la cui abitazione è inagibile.