logo di stampa italiano
 
Sei in: I clienti » La sicurezza e la continuità del servizio » La sicurezza e la continuità del servizio elettrico

La sicurezza e la continuità del servizio elettrico

Nel corso del 2012 le reti di distribuzione dell’energia elettrica gestite da Hera S.p.A. hanno servito circa 260.000 utenti, in ventiquattro comuni dell’Emilia-Romagna appartenenti alle province di Bologna, Modena e Ravenna distribuendo circa 2.233 GWh di energia elettrica.
La lunghezza totale delle reti di energia elettrica gestite da Hera, per mezzo delle Strutture Operative Territoriali di Imola-Faenza e Modena, è di 10.013 chilometri, di cui il 73,5% in bassa tensione, il 26,2% in media tensione e lo 0,3% in alta tensione. Il 41% delle linee risultano interrate e la restante parte è composta da linee aeree. L’incremento della lunghezza delle reti interrate consegue all’attività di bonifica dei dati presenti nei sistemi informativi aziendali. A seguito dei lavori svolti nel corso del 2012 si riscontra un incremento dell’estensione della rete di distribuzione in media e bassa tensione dello 0,7% rispetto al 2011; è rimasta inalterata l’estensione della rete in alta tensione. Le perdite fisiche e amministrative registrate nella rete di distribuzione si attestano al 3,5%e non si sono verificati incidenti con il coinvolgimento dei cittadini relativi alle reti elettriche gestite da Hera. Nel 2012 si sono verificati 6.808 casi di riattivazione del servizio a seguito di disattivazione per morosità.
Nel 2012 le forniture relative alle attività relative alla gestione e alla manutenzione delle reti elettriche hanno comportato circa 9.010 giornate di lavoro in particolare per attività relative alle nuove realizzazioni impiantistiche e alle attività di manutenzione delle reti. Ai fornitori viene richiesto, in fase di sottoscrizione del contratto, di formare e informare il personale relativamente ai rischi specifici che possono verificarsi durante l’esecuzione dei lavori e alle misure di protezione e prevenzione da adottare, munendo il proprio personale occupato nelle attività di abbigliamento adeguato alle mansioni svolte. L’azienda si è dotata di una procedura che specifica i criteri per identificare i ruoli e le responsabilità per il presidio delle emergenze e ne definisce le regole generali e le modalità di gestione.
Nel corso del 2012 è stata completata l’attività di smaltimento degli ultimi 12 trasformatori presenti contenenti olio dielettrico con policlorobifenili (PCB).


Il testo integrato delle disposizioni dell’AEEG in materia di qualità dei servizi di distribuzione, misura e vendita dell’energia elettrica per il periodo di regolazione 2012-2015, approvato con delibera ARG/elt 198/2011, regola tra l’altro la continuità del servizio di distribuzione di energia elettrica individuando indicatori di misurazione delle interruzioni, sistemi di monitoraggio e standard di riferimento.
Il testo integrato inserisce nella regolazione incentivante i seguenti indicatori relativi a interruzioni originate sulle reti in media e bassa tensione e per cause di responsabilità del gestore:

  • durata complessiva annua delle interruzioni lunghe senza preavviso per cliente in bassa tensione;
  • numero complessivo annuo delle interruzioni lunghe e brevi senza preavviso per clienti in bassa tensione.

Hera aderisce per il periodo di regolazione 2012-2015 alla riduzione delle interruzioni originate sulle reti in media e bassa tensione attribuibili a cause esterne e pertanto gli indicatori sopra citati vengono calcolati comprensivi anche delle cause esterne. Per questi indicatori sono stati fissati i livelli obiettivo e i livelli tendenziali per ciascun ambito territoriale servito da Hera da parte dall’AEEG con delibera ARG/elt 311/2012 a valere per il presente periodo di regolazione.

 
Continuità del servizio elettrico
 201020112012
Numero medio di interruzioni per cliente in alta concentrazione (livello tendenziale 2012 1,20)1,101,030,94
Minuti di interruzione per cliente in alta concentrazione (livello tendenziale 2012 28,00)15,667,948,40
Numero medio di interruzioni per cliente in media concentrazione (livello tendenziale 2012 2,25) 1,93 1,882,64
Minuti di interruzione per cliente in media concentrazione (livello tendenziale 2012 45,00) 21,13 21,32 20,82
Numero medio di interruzioni per cliente in bassa concentrazione (livello tendenziale 2012 5,16)4,75 4,664,27
Minuti di interruzione per cliente in bassa concentrazione (livello tendenziale 2012 68,00) 42,62 41,34 47,73

Il numero medio si riferisce alle interruzioni del servizio in bassa tensione, senza preavviso, e per cause di responsabilità del gestore. I minuti di interruzione fanno riferimento alle interruzioni di lunghezza superiore a 3 minuti. Il livello tendenziale 2012 è l’obiettivo dell’indicatore per il biennio 2011-2012. Per il numero di interruzioni in bassa concentrazione il livello tendenziale è pari a 5,30 e a 5,38 per gli ambiti di Imola-Faenza e Modena rispetto a un consuntivo di 1,43 e 5,00.

 

In tutti gli ambiti gestiti sono stati rispettati i livelli tendenziali assegnati dall’Autorità per l’anno 2012.
Nell’ottica della riduzione del numero delle interruzioni e della riduzione delle sollecitazioni elettriche sugli impianti del Gruppo prosegue un piano pluriennale per l’installazione della Bobina di Petersen. Si prevede inoltre l’avvio di un piano pluriennale per l’installazione nelle cabine secondarie della rete di media tensione di dispositivi automatici in grado di interrompere la corrente di guasto lungo la linea al fine di coinvolgere un minor numero di utenti in caso di guasto.
Hera partecipa al sistema di premi e penalità relativi ai recuperi di continuità del servizio di distribuzione dell’energia elettrica previsto dalla delibera ARG/elt 333/2007: per l’anno 2011, in base alla durata e al numero delle interruzioni senza preavviso, è stato ottenuto il diritto a incentivi pari a480 mila euro e penalità pari a 232 mila euro.
Entro il 30 novembre 2013, in base ai dati forniti ai sensi del comma 16.1 (ARG/elt 198/11), l’Autorità accerterà e pubblicherà per ciascun ambito territoriale i recuperi di continuità del servizio ottenuti dalle imprese distributrici nel corso dell’anno 2012.
Il numero di richieste di connessioni attive alla rete di distribuzione gestita da Hera ha avuto un notevole incremento dal 2007 sino a oggi: si è passati dalle 83 richieste del 2007, alle 386 del 2009, fino ad arrivare alle 1.559 richieste del 2012 in aumento rispetto allo scorso anno (erano 1.179). La potenza totale in immissione richiesta per la connessione di impianti di produzione nel 2012 è stata di 45.320 kW in notevole calo rispetto ai 70.411 kW del 2011.